Mostre

Lavoro. Fondato sui diritti.


Ogni individuo ha diritto al lavoro. Così recita l’articolo 23 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Ma nel XXI secolo, nel pieno della crisi del sistema economico capitalista, qual è il posto che il lavoro dovrebbe occupare nella vita degli individui e della collettività? In quale misura l’uomo e il lavoratore coincidono e in quale misura si differenziano? Nella consapevolezza che il lavoro consente ad ognuno di essere padrone del proprio essere, ma sapendo che il lavoro può anche significare sfruttamento, schiavitù e morte, come riusciamo nel nostro paese, a far convivere diritti del lavoratore, necessità di alta produttività, costi contenuti e difesa dell’ambiente?

Attraverso le immagini di Francesco Cocco, Gianni
Berengo Gardin, Riccardo Venturi, Massimo Siragusa, Roberto Caccuri, Alessando Imbriaco e Salvatore Esposito, Contrasto presenta sette storie di lavoro.
“Diritto al lavoro” come elemento fondante della vita
di ciascuno. Ma quale lavoro? Quello che crea speranze o che le speranze le uccide? Che libera o che schiavizza? Il lavoro come ricchezza sociale o come sfruttamento dell’operaio-massa? Queste immagini d’autore offrono
una rifl essione su alcuni temi importanti, non solo negativi, come le aziende italiane del made in Italy
di Massimo Siragusa, le imprese impegnate nell’ecosostenibilità e nell’innovazione di Roberto
Caccuri, e le nuove modernizzate risaie del nord d’Italia di Gianni Berengo Gardin, gli istituti professionali che insegnano ai giovani una professione di Alessandro Imbraco, ma anche il lavoro nero di Francesco Cocco, le
morti bianche di Riccardo Venturi e il dramma della disoccupazione a Napoli di Salvatore Esposito.

Accanto ai fotografi di Contrasto e alle loro toccanti immagini sulla realtà italiana, uno sguardo al resto del mondo attraverso una selezione delle più belle fotografi e
della Reuters, con una proiezione su videowall del lavoro nei diversi paesi del mondo, uomini, donne, bambini che traggono da questa attività profondamente legata
all’essere umano, le loro gioie e i loro dolori, la loro forza e le loro motivazioni.
Un piccolo passo

Una variegata mostra fotografica ed iconografi ca che, oltre a commemorare il 40° anniversario dello sbarco sulla luna, propone numerose testimonianze documentali
delle varie tappe che condussero alla realizzazione di quell’atavico sogno, frutto della insopprimibile pulsione
per l’esplorazione che da sempre accompagna l’Umanità.
In esposizione fotografi e a colori e in bianco e nero della NASA - molte delle quali da togliere il fiato - provenienti dalle varie missioni spaziali che presero il via col Progetto
Mercury del 1959.

I GIOCHI MAI VISTI
Costruire l’Olimpiade

Roma 1960: il più grande evento sportivo che la storia italiana ricordi sta per compiere 50 anni.
Il “dietro le quinte” di una manifestazione nata oltre 100 anni fa per celebrare i più grandi sportivi di tutto il mondo, ma che è creata e portata avanti da migliaia di persone che assolvono i lavori più svariati, permettendo agli atleti di concentrarsi esclusivamente sui loro obiettivi sportivi.
Le immagini consentono di vedere all’opera coloro che contribuiscono a creare i palcoscenici su cui gareggiano le star dello sport mondiale, lavorando alla costruzione degli impianti e dei villaggi che, ad ogni occasione olimpica, sorgono lasciando una traccia indelebile nel tessuto
urbano della città ospitante.
info: www.modenacinquecerchi.net”

Di volto in volto
di Gianni Volpi

Modena raccontata attraverso fotografi e
di visi dei suoi nuovi cittadini;
di volto in volto Gianni Volpi ha incontrato
sguardi, incrociato occhi, intuito paure
e speranze in sguardi venuti da lontano.

Xinjiang, ultima frontiera
di Mauro Terzi

Mauro Terzi sintetizza in 13 immagini un
reportage del viaggio in cui ha ripercorso la
Via della Seta da Xi-An fi no a Kashgar,
all’estremo confi ne a ovest, nello stato dello
Xinjiang, una regione grande cinque volte l’Italia
abitata in prevalenza dall’etnia Uygur di origine
Turca e di religione Musulmana, al centro in
queste settimane di sanguinose violenze etniche.

Calati nel piombo fuso, Gaza 2009
di Aldo Soligno

Aldo Soligno si fa portavoce di una nuova visione
di Gaza, partendo dalle storie di coloro che
hanno raccontato le conseguenze del confl itto
israeliano-palestinese durante l’offensiva
Piombo Fuso. Il progetto fotografi co apre
un mosaico di frammenti di animi fi eri e vibranti,
immersi in un quadro desolante
che si divincolano senza rassegnazione
in una plumbea melma, arida di speranze.

Donne al lavoro
Una selezione delle fotografi e che hanno
partecipato al concorso “Donne e lavoro oggi”
organizzato dalla Università della Libera Età
Natalia Ginzburg di Modena; una galleria
di immagini di donne tra precarietà e futuro,
ritratte al lavoro negli uffi ci, nei negozi,
nelle fabbriche, per strada, nei servizi
e in famiglia.